Pubblicato da: maui | 27 novembre 2007

Tokyo – Asakusa & Akihabara

Il primo giorno lo dedichiamo al quartiere di Asakusa, dove c’è il famoso Kaminarimon Gate e il Sensoji Temple.

La Nakamise Dori è la strada (pedonale) che collega il Kaminarimon Gate con il Sensoji Temple.
La caratteristica si questa stradina è la miriade di negozietti di souvenir che offrono moltissimi gadget sia del tempio che del giappone in generale (magliette, kimoni, spade, giocattoli…).
In pratica, l’80% dei souvenir li abbiamo presi quì!





Una piccola geisha si aggira per il Sensoji Temple…

Si sa che in tutto il mondo ci sono gli artisti che si fermano in punti strategici delle città per poter raffigurare su carta le opere architettoniche che ritengono degne di nota. E anche a Tokyo ci sono e la Sensoji pagoda pare sia molto gettonata…


Attorno al tempio c’è un bel giardino con un piccolo fiumiciattolo che passa attraverso rocce e piante. E sotto il ponte si vedono una marea di carpe di dimensioni notevoli…


Pausa pranzo e decidiamo di provare una pietanza famosa: TEMPURA.
In pratica è una frittura molto leggera (fatta con olio di soia e una pastella molto più “light” della nostra) a base di pesce o verdure.
Paola ha preso quella con verdure mentre io quella a base di gamberi e polipi. Molto buona!


Finito il giro nella zona del tempio siamo andati a fare due passi verso il Sumidagawa river, il fiume che arriva fino a l nostro albergo. Alle spalle c’è una scultura di Philippe Starck realizzata per il Super Dry Hall (che è l’edificio nero sotto la “fiamma d’oro”)

Alla ricerca di un tempio che in realtà non esiste, siamo passati attraverso il parco Sumida e ci siamo fatti un pò prendere la mano…





Sulla strada del ritorno la mia attenzione si è posata sui cartelli dell’infortunistica del lavoro.
Il perchè è molto semplice… Sono realizzati dallo studio di Osamu Tezuka (vi rimando all’articolo sul museo Tezuka) e ce ne sono diversi per la città. Ne ho fotografati giusto due a testimonianza di quanto valore si da (giustamente) a questi disegnatori giapponesi.


AKIHABARA – Electric town & Tokyo anime center
Quartire famoso per ospitare oltre 230 negozi di elettronica ed informatica. Una così vasta gamma di prodotti ed offerte che ad un certo punto può portare all’esasperazione. Ogni magazzino è in pratica una galleria commerciale di 5, 6 o 7 piani.
Pc, Mac, Cellulari, Televisori. C’è TUTTO. E c’è anche molto che da noi ancora non è arrivato (tipo l’iPod Touch).
I prezzi sono più bassi ma c’è un problema… La corrente in giappone è di 120v. contro i 220 nostri. Il rischio di bruciare un apparecchio elettronico una volta portato in Italia è alto. I trasformatori non si trovano (esistono?) e quindi bisognerebbe comprare solo nei negozi che hanno prodotti per il mercato europeo. Solo che poi i prezzi diventano come i nostri e non vale più la pena…

Yodobashi-Akiba è uno dei più grandi store di elettronica.
Immaginate due MediaWorld messi vicino, ma su 8 piani e avrete l’idea di cosa è questo negozio…


Le poltrone per rilassarsi non mancano mai in questi centri commerciali.
Potevamo mai non provarle?

Akihabara è anche famosa per essere il quartiere dove oltre all’elettronica ci sono negozi dedicati alla produzione fumettistica e modellistica. Non a caso è anche chiamata Tokyo Anime Center.

I giapponesi vanno pazzi per due robot in particolare: Gundam ed Evangelion.
Trovare materiale di queste due serie è come cercare la sabbia nel deserto. Sono ovunque.


Ecco un piccolo video esplicativo…





Questi due quartieri sono probabilmente i due più belli che abbiamo visto dato che uniscono tradizione e modernità.
Infatti ci siamo ritornati per poterli vedere con calma una seconda volta.
Assolutamente una tappa da non perdere per chi va a Tokyo.

Annunci

Responses

  1. ciao maui…ma è fantastico sia il tuo blog…e io ke mi sono permessa di chiederti cosa ne pensavi dello mio ….e poi il tuo viaggio…da lasciar senza parole, sono contenta x te ke sei riuscito a realizzare questo sogno…era 1vita ke ne parlavi..quando scendo a napoli x natale sicuramente mi sarai altri dettagli di persona…1 bacione e ciao

  2. ciao Rosaria!!!
    Grazie della visita e del commento. Appena ci vediamo ci saranno sicuramente tante cose da dire a prpposito del viaggio.
    Un bacio enorme e a presto!!!
    Ciaoooooooooooo
    ^_^

  3. […] Il tempio buddista di Sensoji a Tokyo in Giappone, dedicato alla dea del perdono e della felicità; 30 milioni di visitatori […]

  4. […] Il tempio buddista di Sensoji a Tokyo in Giappone, dedicato alla dea del perdono e della felicità; 30 milioni di visitatori […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: